Batteri a spasso

Share

Non c’è mai da stare tranquilli;  i batteri sono un esempio a proposito.  Non solo esiste un virus che ogni due giorni ne uccide la metà – e non si stanca di provare a concludere il lavoro con l’altra-, ma appena sono riusciti a trovare il modo di sopravvivere, anche resistendo agli antibiotici, abbiamo trovato un altro escamotage per rendergli la vita difficile.
Fu Felix d’Herelle ad avere l’idea. 

Tutto iniziò nel 1800, quando questo signore prende il primo piroscafo con l’obiettivo che lo possa portare il più  lontano possibile dalle prigioni francesi -era disertore-. Così arriva in Canada e impianta una produzione di Whisky.
E si sa, le cose bisogna farle funzionare, dunque si mette a studiare microbiologia: l’idea è fare fermentare il suo liquore.
Ma studia, studia… si appassiona alla materia e scopre i Fagi,  degli organismi che infettano i batteri.
Totale, se qualcuno si ammala  si analizza il virus  e gli si mandano i migliori killer a disposizione.
Certo fantastico (anche se la scoperta è stata tenuta per anni chiusa in un cassetto a favore degli antibiotici).

Ma mettetevi nei panni di un batterio, difficile la vita, sembra la nostra,  sempre  alle prese con la mortalità del corpo e con un pianeta sull’orlo del collasso. Roba da diventare amici, se ognuno non combattesse per la propria esistenza. 

Eppure, a pensarci, l’unica cosa che entrambi possediamo è “il qui e ora”. Credo che se fermassimo il tempo, vedremmo un immagine speculare.
Forse un armistizio sarebbe possibile?

Nel 2016 Nature dava la notizia della scoperta dell’ Idonella Sakaiensis 201-F6. Un’ enzima – cioè un organismo non vivente,  che non si replica e la cui funzione è quella di accelerare una reazione chimica- detto “mangia plastica”, prodotto da alcuni batteri. Dunque primo passo è fatto.

 Aggiungete Gianni De Benedittis,  che per futuroRemoto, ha creato una Capsule Collection tutta dedicata a questi esserini. Si tratta di ‘Bacterium’ un’idea per  portarseli a spasso, e mostragli un po’ del nostro mondo dal nostro punto di vista.

Elisabetta Guida

error: Content is protected !!