Edward: un mistero da risolvere in crowdsourcing. Il progetto Auramala

Share

Royal 20 A.II, f.10Appassionati di genealogia, paleografi, esperti di lingue romanze, storici: c’è trippa per gatti o meglio un mistero da risolvere.

DSC_0428 ridotta ©ElisabettaGuida

©ElisabettaGuida

Ieri nella Biblioteca Teresiana dell’Università di Pavia è stato presentato dall’autore, Ivan Fowler, il romanzo storico “Edward” pubblicato da Piemme Edizioni. Ma soprattutto il progetto legato. C’è da scoprire se Edoardo II plantageneto sia stato ucciso per ordine della Regina e del suo amante e poi sepolto nell’abazia di Glouchester. Oppure sia riuscito a fuggire dalla prigione dove era rinchiuso.

IMG_4627 EdwardIl romanzo opta per la seconda ipotesi. Storie d’amore, colpi di scena, insomma roba da spie.

Berkeley Castle

Berkeley Castle- ©PhilipHalling CC BY-SA – Wikimedia Commons

Edward_II_-_detail_of_tomb

Tomba nell’abazia di Glouchester- ©Philip Halling http://www.geograph.org.uk/profile/1837

Certo Edward, era uno interessante: al di là di ogni fisima medievale. Amava la vita, la bellezza e le persone -queste in tutti i sensi, fieramente bisessuale, visse due grandi amori-. E ad alimentare l’enigma, un’altra tomba a lui attribuita, quella in

Izabela_France

Isabella di Francia

Sant’Alberto di Butrio.

Per chi sostiene che il cuore portato alla regina dai sicari non fosse di Edoardo II Plantageneto la prova a favore è la lettera di un notaio, Manuele Fieschi. Il discendente di una influente famiglia ligure che contava due papi, un centinaio di cardinali e diverse amicizie altolocate tra cui la casa reale inglese. La lettera diceva ad Edoardo III che il padre non era morto ma si trovava nella Valle Staffora. Pare che l’obiettivo fosse quello di minacciare la possibilità che Edward insinuasse il trono. In proposito: stimando in quattro anni, il tempo necessario per percorrere a piedi le

Sant'alberto di Butrio

Sant’alberto di Butrio

distanze tra Glouchester e Pavia per un uomo del 1300 di circa cinquant’anni, confrontando la datazione della lettera e la presunta morte Edoardo II Plantageneto, si arriva alla soglia della guerra dei cento anni.  Chiaro, ammesso che lo scritto di Manuele Fieschi non sia un falso.Troupes_anglaises_en_mer_devant_une_ville_XIVeme_siecle Per il resto ci sono le storie e le leggende di memoria popolare oltre alla considerazione che i presunti spostamenti di Edward nell’Europa medievale sono sempre stati nei territori controllati dai Fieschi. A favore dell’ipotesi anche un noto divulgatore inglese: Ian Mortimer.

Rimane la mancanza di certezze.

Edward_II_&_Gaveston_by_Marcus_Stone

Edward & Gaveston

Così per sciogliere il groviglio arriva il Crowdsourcing e chiunque abbia sapere da condividere è il benvenuto. Allo scopo la pagina web è: The Auramala Project. Porte aperte a tutti gli storici per passione e professione.  L’ultima frontiera è trovare un discendente vivente di Edoardo II Plantageneto e confrontare il dna. Al momento l’albero genealogico è fermo al 1750. A lavorarci anche un ex ispettore di Scotaland Yard in pensione con la nipotina che si occupa della parte informatica.

E pensare che l’inizio di tutto fu la gelosia di Isabella di Francia per Piers Gavestone di cui era pazzo d’amore il marito. Elisabetta Guida

 

 

Commenti chiusi