Tra un week-end ed una corsa d’auto d’epoca al polso (Merano e le Dolomiti)

Share

“La leggenda di Bassano”. la fotografia è una cortesia dell’ufficio stampa

Quest’anno ricorrono i 700 anni della città di Merano e i 130 della  Maison Eberhard&Co.

Verrebbe da dire che sarà occasione per rendere ancora più intrigante la gara di regolarità riservata alle vetture sport barchetta che serpeggeranno tra le montagne del Veneto, dell’Alto Adige e del Trentino. Ma in realtà è molto di più.

Intanto dà un senso alla parola lusso, che non è quello che il marketing passa per tale. Dovrebbe esserci la denuncia penale a carico di chi violenta le parole. Perché il lusso è più come una tavola apparecchiata con tutti i santi crismi: la logica che regge la posizione della forchetta o del piatto del pane è la comodità. Ma soprattutto è la possibilità di esprimersi.

“La leggenda”. La fotografia è una cortesia dell’ufficio stampa

Nel caso, l’evento organizzato dal circolo veneto auto-moto d’epoca è questo, permette di vestire uno specifico tratto dell’anima. E’ la velocità, intesa come un miscuglio di avventura,

coraggio, determinazione. E da questi concetti partono tutta una serie di connessioni, a cominciare da quello che poteva essere un auto da corsa prima del 1960 (ce ne saranno ben 83), per finire con l’idea di montagna senza dimenticare il sapore antico di Merano. Poi lo sponsor principale dell’evento, Eberhard & Co, che se lì per lì è un dettaglio, a pensarci ed immaginare tutto come un insieme di ingredienti, viene fuori che la collezione Tazio Nuvolari sono gli oggetti che tirano le fila del resto.

Partenza della “la leggenda”. La fotografia è una cortesia dell’ufficio stampa

Mi piace l’idea che li ha creati. I progettisti hanno preso spunto dalla strumentazione delle vecchie macchine da corsa, quando era alloggiata sul cruscotto e doveva: sia essere di facile e veloce lettura –una fuggevole occhiata sarebbe dovuta bastare- sia resistere a intemperie e vibrazioni. Così alla Eberhard hanno pensato ad un quadrante più grande, con vetro antiriflesso, numeri arabi e lancette iridescenti (per la lettura notturna) oltre all’assoluta impermeabilità e ad uno speciale bilanciere che protegge gli ingranaggi interni. Mentre la ciliegina sulla torta è una piccola tartaruga stampata, la stessa che D’Annunzio dedicò a Nuvolari: “all’uomo più veloce del mondo l’animale più lento”.

Percorso “La leggenda” la fotografia è una cortesia dell’ufficio stampa

Quanto alla corsa il programma è:

1 tappa (23 giugno)- si va da villa Cà Cornaro a Romano d’Ezzelino, alle porte di Bassano del Grappa (VI). Le auto correranno per la Val Brenta e la Valsugana per poi toccare Baselga di Pinè e Lavis, percorrere la magica Strada del Vino dell’Alto Adige, salire al Passo Mendola e scendere a Merano (BZ). Per rendere omaggio alla cittadina che ha inserito la gara, tra gli eventi di punta dei festeggiamenti per i 700 anni della città, a partire dalle 17 le auto sfileranno lungo i portici e in Corso della Libertà. In serata cena di gala per tutti i concorrenti nel birreria Forst in centro città.

2 tappa (24 giugno)

Arrivo dell’Imperatore di Francesco Giuseppe via Wikipedia

da Merano le auto partiranno per il Passo San Genesio, Bolzano, Sarentino, il Passo di Pennes, Vipiteno, Bressanone, Plancios e il Passo delle Erbe dominato dal massiccio dolomitico del Sass de Putia, Corvara, Passo Campolongo, Passo Pordoi, il lago di Carezza, Obereggen e il Passo di Pampeago (aperto al transito per l’occasione) ai piedi del massiccio del Latemar. Per arrivare a Cavalese, la perla della Val di Fiemme che per la prima volta ospita un arrivo di tappa.

3 tappa (25 giugno)- da Cavalese le auto raggiungeranno Caldonazzo e saliranno sull’Altopiano dei Sette Comuni lungo la panoramica Kaiserstrasse, costruita durante la Prima Guerra Mondiale. Verrà attraversato l’Altopiano fino ad Asiago e poi la pianura e Bassano del Grappa per il gran finale in Piazza Libertà.

Beh ci si potrebbe prendere spunto come itinerario per qualche giorno di vacanza. Elisabetta Guida

www.Eberhard&CoWatches.ch

 

 

 

 

Commenti chiusi