Surfare sul mondo con “the minimalist wave”

Spread the love

Sembra che il trucco sia il “take-off”. Pare sia paragonabile al decollo di un aereo (adoro, ma adoro, adoro decollare). Qui si tratterebbe di riuscire stare eretti sulla tavola e planare su un onda. Wow. Penso che non riuscirei più a sentire il mare nello stesso modo.

Kelly Slater, 11 volte campione del mondo di surf dice “È fatta, una volta che sei un surfista, è fatta. Sei entrato nel giro. È come entrare a far parte di una banda o qualcosa del genere. Una volta dentro, non puoi più uscirne». Sarà niente è fermo,  tutto è in movimento. Meraviglia. 

Si dice che al mondo la materia nasconda miriadi di numeri e regole matematiche che gli permette di apparire con la forma che ha. E “The minimalist wave” ha trovato la formula dell’onda, l’ha messa su carta e  la scolpisce  sulle tavole da surf. D’altra parte è a questo che servono gli artisti, per farci surfare sulla vita, come Philippe Petite stendeva un filo. Elisabetta Guida.
@theminimalistwave (Instagram)