Palermo Uno… è una scatola di cioccolatini

Share

A Milano, in Via Santa Maria alla Porta ha aperto Palermo Uno. Un negozio di arredo inteso come designs, modernariato, vintage (ma anche di gioielli, di prodotti dop usati per allestire la cucina, di oggettistica), che è qualcosa a metà tra un emporio e cabinet de curiosité. Sapete… quei posti dove ci si infila quando si passeggia per la città senza meta cercando senza saperlo che ci assomiglia. Ecco così.


Loro si definiscono “Casa Galleria” ma credetemi, è qualcosa di molto più curioso. La differenza la fa la dinamicità. Perché quello che si vede è una mera proposta personalizzabile e stravolgibile in base a quello si ha in mente per la propria casa. Questo appartamento sofisticato, affacciato su strada e dislocato su tre piani mi è sembrata la casa della carta del mago nei tarocchi. Inteso come l’archetipo creatore che c’è in ognuno di noi. Oppure niente meno del Demiurgo! Saranno le maniglie delle porte, le finestra dipinta del bagno, le pareti, i vasi -come se invece di essere a Milano fossi in una qualche città sumera di svariati anni fa. Forse proprio il minimo comun denominatore attorno a cui ruota tutto l’allestimento, cioè la materia. (E io che detesto i colleghi che mettono le mani ovunque, si siedono sui divani… insomma si comportano come fossero a casa loro, mi sono ritrovata a toccare tutto. Risultato: niente era quello che sembrava).

La fondatrice del progetto e’ Sophie Wannenes. Palermo Uno nacque nel 2018, si trattava di una proposta legata al Fuori Salone in cui si selezionavano nuovi talenti. Il nome lo deve alla via e al numero civico in cui veniva allestito un ‘appartamento’. Oggi, sia diventato qualcosa di stabile ha mantenuto le sue caratteriste. Ogni sei mesi il negozio cambia volto ed accanto a collaborazioni fisse, Sophie cercherà designers sempre diversi. Elisabetta Guida (le fotografie sono mie)