Esxence -la fiera del profumo di nicchia-. 2- I più curiosi

Share

Segue da: Esxence -la fiera del profumo di nicchia- 1- I più curiosi

Le Mat, il matto. (c)Mendittorosa
Il tarocco del Matto, Via Wikipedia, immagine di dominio pubblico

Mendittorosa-  La magia: esiste, non esiste, chi lo sa.  Per la cultura ebraica è sempre stata un dato di fatto. E chissà forse anche per Talismans: quattro amuleti in forma di fragranza. Ma a dirla così… e appiattire il progetto è la stessa cosa. Sarà che la magia è guardata con sospetto. Tutta

Un illustrazione dal Cantus Circaeus di Giordano Bruno. Via Wikipedia. Immagine di dominio pubblico

colpa del medioevo.

E pensare che all’inizio, subito dopo la caduta dell’impero romano esisteva addirittura una legge del diritto romano che proteggeva il credito pecuniario di chi esercitava la magia; certo ammesso che fosse un incantesimo benefico andato a buon fine. Poi il diluvio: la caccia alle streghe, i roghi. Non che gli stregoni se la passassero meglio. Spesso facevano parte del clero perché per officiare un rito magico serviva, sapere il latino, recitare determinate parole. D’altra parte, cos’è una preghiera se non una formula magica? Ed è questo il punto: l’identità. La magia è un altro insieme di credenze: profonde, ataviche, vecchie come il mondo.

Nettuno, via wikipedia, immagine di dominio pubblico

Beh Talismans è contro il pensiero unico. E l’ho trovato un progetto interessante perché si tratta di fragranze costruite per diventare un’attitudine mentale. Si è avvolti in un senso di protezione, nella forza. Un po’ come quando si è riusciti a mettere da parte i dubbi e si è tesi verso un obiettivo.

L’Alchimista di Peter Bruegel, via Wikipedia

Ogni fragranza è rappresentata da un motto che li riassume. C’è Le Mat -il matto, il tarocco della fine e dell’inizio- “Ogni uomo è una divinità sotto mentite spoglie, un Dio che recita la parte dello sciocco”; Nettuno – il talismano della sensualità- “tutto ciò che vediamo e sembriamo non è che un sogno nel sogno; Sogno Reale – la mente inconcoa- “Volo nello spazio intergalattico dove gli dei danzano”. Poi Osang -il talismano dell’amore, ispirato alla liquefazione del sangue di San Gennaro- “Tutti gli slanci della mia mente cominciano dal mio sangue. E poi Sirio, che stavano lanciando ad Esxence.

Certo se titubate, il mio consiglio è affidarsi alla scienza. Cioè: una tesi è vera solo fino a che funziona. (E d’altra parte anche Thor aveva il suo martello per sentirsi più forte). www.mendittorosa.com

Abel in Abesses n.18(c), MadeinPigalle

Made in Pigalle. Sottotitolo: il profumo da uomo più buono che abbia mai sentito. Sapete quando un pensiero rimane in testa?

(c)MadeinPigalle Simone in Saint Germain n.6
Joao in Jaures, n. 20

Lì per lì ne avevo preferita un’altra, ma si sa chi disprezza compra. Di tratta della numero due e non potrei paragonarla ad altro che ad un drappo di velluto. E’ il numero 18, un bouquet di foglie di tabacco, oud, cedro, ed una nota calda e resinosa di roccia di rosa labdanum. Così sensuale che da una donna, magari per un’occasione speciale -come fosse un abito da sera-: è una scollatura vertiginosa fatta a profumo.

Marie in Le Marais- n.3
(c)MadeinPigalle

Ma Made in Pigalle è di più, racconta la Parigi dei Parigini, quelli che si sono diventati. Sapete il film Midnight in Paris in Paris quando dice “come si può vivere in qualunque altro posto al mondo quando esiste Parigi?” Ecco così, ognuno ha la sua storia. www.madeinpigalle.com

I Giardini di Versailles, raffigurati dall’ Atlas de Trudaine. Via Wikipedia. L’immagine è di pubblico dominio

La Maison Dorin- Questa è una storia che arriva da lontano, precisamente dalla Versailles del 1780.

Visto che la Maison Dorin  è il profumo della Reggia per i nove anni che hanno preceduto la rivoluzione fino ad oggi. Le loro sono fragranze sottili. Una delle loro linee riproduce esattamente quelle in voga ai tempi di Marie Antoinette “Les senteurs de Versailles”.

Probabilmente create dalla fondatrice in persona: Marguerite Montansier, un attrice.

In fiera c’erano anche Les Eaux Poudrée -fragranze ispirate ai profumi che si possono sentire passeggiando per i giardini di Versailles- un profumo leggerissimo; e la linea dedicata al teatro “La Dorine” con accordi più complessi omaggio alla loro fondatrice.

Da sentire fosse solo per curiosità. La pagina web è: www.maisondorin.com. Purtroppo è fatto un po’ così. Non si riesce capire dove siano venduti -sono andata a vedere se erano tra i marchi fornitori del bookshop di Versailles, ma niente- e come avere qualche campione. Mistero…

Elisabetta Guida

Continua…