Essere… o non essere una fata?

Share

Già deciso cosa indossare nei giorni di festa?
Se foste una fata, sarebbe sufficiente fare un giro in giardino. Ha appena aperto uno nuovo show-room “Petal & Pins”, diretto da Sandra Alcorn che usa petali di fiori per trasformarli in bellissimi vestiti. Certo bisogna essere fate. 

Sembra che il trucco per scoprire la nostra vera identità sia capire se si riesca a cambiare il destino di chi ci circonda. E se questo è il vostro super potere, allora siete proprio le discendenti delle parche, le tre signore che presiedevano il fato e che neppure gli dei possono modificare. Dunque Petal & Pins è la vostra boutique. Indubbiamente, il  packaging si annuncia complicato, ma gli abiti prenderanno l’aspetto di una stampa, in modo che gli abiti possano rimanere sempre come appena colti, e poi inseriti in biglietti d’auguri o in qualche cornice, pronti a saltare fuori alla pronuncia del primo incantesimo che vi verrà in mente.

Invece, nel caso in cui l’universo abbia voluto che foste nient’altro che un essere umano, allora avere un giardino sarà ugualmente utile. La parola magica è: borsa, che magari sarà anche non proprio comodissima e per niente capiente, però così bella. Perché in questo caso sarà come avere un mazzo di fiori tra le mani. Il problema, è che viviamo in un tempo in cui il confort è sopravvalutato. Si cerca la ‘praticità’, come se fossimo immortali e mai invecchieremo. Beh è ora di invertire la tendenza e portare a spasso un po’ di bellezza, perché nessuno ci restituisce il tempo che nel frattempo è corso via.
Elisabetta Guida