“Sulle orme di Leonardo” tra Milano e Firenze nello spazio di qualche giorno

Share

Non so perché, ma associo Leonardo Da Vinci alla fatica. Sapete quelle giornate troppo calde,  troppo polverose, troppo luminose. Forse una contraddizione, ma d’altra parte il mondo è quello che è e insieme l’esatto opposto. Non per niente gira;  su stesso, intorno al sole… Ma poi c’è il Four Seasons.…

Continue reading

Una storia di bottoni

Share

All’inizio si trattava di spille, poi molte chiusure sono diventate bottoni. Sarà che non esiste una vera differenza tra loro e un gioiello.  Al di là di tutto quello che si potrebbe dire riguardo ai materiali, ai progetti a cui hanno lavorato vetrai, ceramisti, orefici, pittori… o all’idea di cosa…

Continue reading

Banksy-Tour: City Break o vacanza lunga

Share

C’è una trasmissione televisiva, il giro d’Europa con una guida stampata per la prima volta nel 1839. L’idea è prendere spunto dall’originalità e partire per un Banksy-Tour. Certo, una volta tornati, c’è da mettere in conto l’insofferenza. Perché Banksy è la libertà, è aprire le finestre di casa in un…

Continue reading

Sotto una mappa del 1877

Share

Adoro l’architettura, è come giocare con la terra: si può fare tutto. Anzi di più, per l’indubbio vantaggio che non si hanno incontri ravvicinati con il fango, e c’è l’interno e l’esterno per divertirsi. Ma divertirsi è poco, non rende bene l’idea dell’architettura perché è volare, sentire la libertà. Guardo…

Continue reading

Es Devlin tra Stephen Hawking e Dubai 2020. (I render del progetto)

Share

Siamo soli nell’universo? A proposito Stephen Hawking nel 2015 aveva lavorato con altri fisici ad una competizione mondiale, “Breakthrough Message”, nella quale chiunque avrebbe potuto sfidarsi nell’ideare il migliore messaggio possibile da inviare nello spazio. Il compito era arduo: pensare a se stessi come il pianeta. Es Devlin  per il…

Continue reading

“The fashioned hand”: Una mano alla moda

Share

Premessa: Secondo Giordano Bruno è la mano quello qualifica l’essere umano rispetto agli altri esseri viventi. La differenza è che possiamo fare. D’altra parte, le mani sono sempre state importanti, intendo anche a livello simbolico, e a partire dalla preistoria. Nelle grotte europee, in quelle dell’America Meridionale, fino all’Australia sono…

Continue reading

“Balkon Walk On”: la libertà

Share

Adoro l’idea di architettura di Zalewski Architecture Group. Uno studio polacco che ha per mantra quello che se non sempre si può scegliere di abitare uno spazio in linea con il nostro sè interiore, si può sempre crearselo. Ed indipendentemente dal budget a disposizione. Un’idea che ricorda il meraviglioso Marcel…

Continue reading

L’infinito in due sedute

Share

Sono affascinanti le sedute, a cominciare da tutta la filosofia che sta dietro. Sarà che avevo l’idea che la postura, il modo di muoversi -superato il momento in cui abbiamo cominciato a camminare eretti- siano un qualcosa di innato, fisso, quasi un punto fermo nell’evoluzione. Invece no, ed è tutto…

Continue reading

Broken Landscape: un po’ di romanticismo contemporaneo

Share

A volte ci si innamora con uno sguardo. Così è successo che mentre stavo facendo colazione sulla lobby del mio splendido hotel – l’Indigo Lower East Side di New York-: boom! Ho alzato lo sguardo ed ho visto le opere Jorge Mayet della serie Broken Landscape. (Le quali, si trovavano…

Continue reading