Il sole in casa. -Fuori Salone 2016-

Share

DSC_0046 ridotta Elisabetta GuidaDSC_0048 (2) ridotta Elisabetta Guida15 Aprile- A volte penso che le case abbiano una personalità e come calamite attirano chi può esaudire i loro desideri. Si dice che nell’universo ogni cosa emetta una vibrazione e va cercando chi suona allo stesso modo. Oppure, semplicemente non potendosi muovere e fare da sé, deve utilizzare il servizio a domicilio.

Milano_palazzoclerici_salaballoPrendete Palazzo Clerici, diventata casa nel ‘600 per diventare quello che è ha dovuto essere abitata da un antica casata milanese per poi passare ai Clerici. E magari questi ultimi, mentre col passare del tempo e delle generazioni ricoprivano incarichi pubblici sempre più rilevanti, credevano, abbellendo il palazzo e facendolo affrescare da Tiepolo, di fare i loro interessi. Invece potrebbe essere che non facevano altro che la volontà della residenza in cui erano stati ospitati. Compresi i cambiamenti, nella CoeLux at Atelier Clerici ridottastrutturazione delle stanze che vi fecero Beatrice d’Este e Ferdinando d’Austria che ci vissero prima di trasferirsi a Palazzo Reale.

Milano_-_Palazzo_Clerici_-_Facciata ridotta Eugenio ManescalchiSiamo strani noi umani, abbiamo una vita che dura soffio e crediamo di essere i padroni dei destini.

Adesso per il Fuori Salone una società comasca (esattamente come i Clerici), Coelux,  ha scelto il Palazzo per presentare la più bella creazione di tutta la design week: sono riusciti a riprodurre la luce naturale del sole, e la medesima percezione visiva del cielo azzurro. (Per ora le dimensioni sono obbligate per via dell’effetto ombra che altrimenti non si riuscirebbe ad avere naturale e si parla di circa 1 metro  per un metro).

Le coincidenze non esistono. Elisabetta Guida 

Milano_palazzoclerici_Affrescotiepolo(Il testo e le fotografie che raffigurano il cortile e la scalinata sono mie e coperte da Copyright. Mentre la sala da ballo, l’affresco del Tiepolo qui accanto e l’immagina esterna di Palazzo Clerici sono state scattate da Eugenio Manescardi. Per quelle di Coelux devo ringraziare l’ufficio stampa)

Fino a Domenica 17 Aprile a Palazzo Clerici, via Clerici 5, Milano- (amo Palazzo Clerici, dunque sono molto poco obiettiva: ha un fascino ammaliatore, è così bello che è come se gli occhi bevessero bellezza dalle pareti e dai soffitti. Il guaio è che non vorrebbero smettere mai. Purtroppo non è aperta quella affrescata dal Tiepolo –oggi Palazzo Clerici è la sede della scuola per diplomatici-. Andateci e quando uscite passate da Mindcraft. Metropolitana Cordusio, linea rossa)

Commenti chiusi