Cosa fare con una scala?

Share

Una biblioteca:

Immagino una biblioteca segreta, di qualche castello incantato… Ci vorrebbero:

  •  le pareti in pietra e i gradini in sasso: anche finta vanno bene. Anzi forse di più, perché in una casa non pensata con questa struttura, risulterebbero troppo pesanti.  Consiglio di dare un occhiata al sito: geopietra.it
  • Un’illuminazione che evochi magia, come Wersailles di Beau et Bien.
  • Una libreria sinuosa come quella di Kartell, o  delle nicchie incassate.

Un giardino:

Michel Pena, per Radice Purala biennale dedicata alla dedicato al garden design e all’architettura del paesaggio mediterraneo, dal 21 Aprile a Giarre– ha creato Jardin Parfumè. Protagonista: una scala, tutta l’installazione gioca sull’idea del giardino verticale, un percorso dall’ombra al sole.

Sundar Italia, per San Vito Bevande

E sebbene sia un esterno (si entra da una porta scolpita) da fuori si vedono solo un serie di veli dove è scritta una poesia araba sulla bellezza dello stare in giardino. Dunque perché non fare lo stesso per un interno?

Un idea per necessario:

  • La copia delle pagine di qualche erbario antico. Per esempio “A Garden Eden. Masterpieces of botanical illustration” di H. Walter Lak; una serie di illustrazioni che vanno dai manoscritti bizantini al quelli del secolo scorso. Si staccano le pagine e si rifà il pavimento della scalinata con l’aiuto delle resine per rivestimenti.
  • Una parete adibita a giardino verticale -come quella fatta da Sundar Italia per San Vito Bevande- o anche solo un quadro vegetale, accompagnandola con qualunque cose vi ricordi la magia di un fiore. L’ abbattimento dell’altra ed un bel ferro battuto, magari d’epoca trovato su “recuparando

 Un giardino segreto:

XIII sec. Tourraine, in Francia. Conservata al Met

©elisabettaguida

Collezione Harlequin

Ho fatto pratica legale in uno studio all’interno di un palazzo liberty costruito tra la fine del 1800 e l’inizio del 1900. A un certo punto la proprietaria dell’appartamento dove avevano sede le stanze dell’ufficio, decise di fare dei lavori, vennero spostati i mobili e abbattuta la pannellatura che nascondeva le scale che una volta venivano usate dai fornitori. Che bello sarebbe stato farci un giardino segreto; magari da regalare… mille volte più bello e fatato di un diamante.

In questo caso sarebbe servito:

  • Una porta, di quelle di legno da stanza del tesoro.
  • Coelux alla design week 2016

    Una poesia da scrivere sul lato interno della porta che accede alla strada o alla portineria

  • Coelux” ovvero la luce del sole ed un perfetto cielo blu. L’unico problema sarebbero le misure perché si è riusciti a riprodurre esattamente gli effetti e l’ombra di cose o persone che potrebbero attraversare questo luogo, solo con determinati formati
  • Una parete con effetto affresco per dare prospettiva, qualche cuscino per sostare e tutto quello che possa fare giardino.

    ©elisabettaguida

(Certo la scala bisogna avercela, però per regalare un giardino basterebbe una cassetta per la frutta e farci la miniatura di qualche giardino storico. Alla scorsa edizione di orticola avevano usato diversi tipi di muschi… però l’immaginazione è un mondo vasto e inesplorato.

Qualunque cosa  possa passare per la mente, perché una scala non è che una stanza in pendenza.  Elisabetta Guida

Commenti chiusi