MiArt 2017: modello Design Week

Share

23 gennaio
Questa mattina a Palazzo Reale la conferenza stampa di presentazione del prossimo Mi-Art. che si terrà nei padiglioni di FieraMilanoCity dal 31 Marzo al 2 Aprile. C’erano Filippo del Corno, l’assessore alla cultura, Giovanni Gorno Tempini, presidente di Fiera Milano e il deus ex machina Alessandro Rabottini.

Aldilà dei numeri –si tratterà di 175 gallerie, 6 premi, un fondo acquisizioni da 100.000 euro, 60 tra curatori e direttori di musei coinvolti- a caratterizzare l’edizione 2017 sarà il modello “Design Week”. “Fare sistema” sembra essere stata la parola d’ordine di Comune e Curatore. L’evento fiera sarà affiancato da una serie infinita di Vernissage e dibattiti in giro per la città. Tanto per dire, all’aeroporto Milano-Malpensa- verrà fatto coincidere il finissage della mostra di Matteo Pugliese, con l’inizio della Fiera di Arte Moderna e Contemporanea. Si è parlato di identità, di scelte estetiche che vorrebbero rappresentare Milano, delle diverse visioni generazionali, di consolidamento rispetto all’edizione precedente. E dimenticavo, accelleratore spinto sull’arte contemporanea.Fantastico.

A me però è venuto un senso di terrore, noi anime sette/ottocentesche e molto “Art Deco” dove andremo a rifugiarci? Ho pensato ai dictat del marketing, al Barone Haussmann: Attacco di Panico! Elisabetta Guida

La fotografia è una cortesia dell’ufficio stampa.

Commenti chiusi