L’Arte del Gusto: tesori nascosti a Studio Dimore Collection. Atto 2: A tu per te

Share

Yngwie_Malmsteen's_electric_guitarDSC_0009 Elisabetta Guida_ Ridotta_Studio Dimore CollectionDSC_0004 ridotta Studio Dimore_Elisabetta GuidaDimenticatevi le tappezzerie a fiori e le atmosfere Windsor. Il tè è sovversivo, ateo, caotico e nichilista. Ed è per questo motivo. che quando un cuscino rock, dopo una lunga tournée intorno al mondo, organizza nella pace della sua casa, un rendez-vous pomeridiano,  sceglie proprio la bevanda in questione.

Certo c’è te e te, e teiera e teiera.

DSC_0016 Elisabetta Guida_Ridotta_Studio Dimore CollectionDSC_0025_Studio Dimore Collection_Elisabetta Guida_RidottaDSC_0044 (2) ridottaPerò se proprio vogliamo andare a fondo della DSC_0048_Elisabetta Guida_Studio Dimore_Ridottacosa, fin dalle origini il tè deve tutta la sua fama ai poteri eccitanti. La mitologia orientale racconta che il ventottesimo Bodhidarma,DSC_0046 Ridotta Elisabetta Guida_Studio Dimore Collection DSC_0047_Elisabetta Guida_Studio Dimore Collection_ridotta a partire da Buddha, nel corso di una meditazione durata anni, cedette al sonno. Così che una volta sveglio fù tanto affranto che si tagliò le palpebre, le quali, cadute a terra, si trasformarono nella pianta del tè.

DSC_0013 Studio Dimore_Ridotta_Elisabetta GuidaDSC_0017 Elisabetta Guida_ridotta_studio dimore collectionDSC_0029 Elisabetta Guida_Studio Dimore Collection_ ridottaPoi, chiaro, ognuno usa la “presenza di spirito” come meglio crede, se gli americani nel 1773 ci hanno cominciato la DSC_0014_Elisabetta Guida_Studio Dimore Collection_ Ridottarivoluzione – con il “Boston Tea Party”-, il cuscino rock ha progetti decisamente più divertenti; almeno per l’immediato.

Le ospiti sono groupies molto particolari: dame in 11233563_897595993633177_1638046625386606414_nceramica arrivate dal 1700. Cosa facessero e chi fossero prima di seguire il cuscino rock per concerti, è difficile dirlo. Si sa solo che arrivano da Nove, nate da antichi stampi barocchi. Si spostano attraverso il tempo usando portali magici, creati da vecchie forme per la ceramica di passate manifatture, ovviamente rese più seducenti e adatte alla loro personalità.

11244901_889716667754443_5516574849150785290_nL’autore del tutto è Paolo Polloniato lo stesso che ha disegnato alcune delle teiere scelte per l’occasione. Ed a rigore di logica niente di meglio per un musicista di ritorno dalle sue fatiche, che recipienti da infusione e chicchere, decorate con l‘applicazione di decalcomanie che riprendono, scomponendole, quattro città.  Sicuro non DSC_0027_ridotta Elisabetta Guida_ Studio Dimore Collectionbisogna essere troppo autocelebrativi, e dunque i servizi da té di Polloniato, sono stati affiancati dalle creazioni più tradizionali di Schiavon: ispirate all’Art Decò; al futurismo, o alla tavola del Cappellaio Matto di Alice nel paese delle Meraviglie.

DSC_0015 ridotta Studio Dimore CollectionDSC_0022_studio dimore collection_ridotta Elisabetta GuidaOra chiunque conosca il cuscino rock sa che è un vero raffinato (è nota la DSC_0033_Elisabetta Guida_Ridotta_Studio Dimore CollectionDSC_0012_Elisabetta Guida_Studio Dimore Collection_Ridottasua frequentazione con Piercing Eyes)  e non per niente invece di scegliere la solita suite nell’hotel di grido ha deciso di abitare da Studio Dimore Collection. E’ un imbottito che non lascia niente al caso: anche i blends dei tè dovranno essere all’altezza, quando i beat si faranno serrati. Dunque niente di meglio di  Tealicoius, la creatura cosmopolita di una ragazza argentina, dove chissà che non scappi un tango al tè verde.

Morale della favola: l’amore e lo scandalo sono i migliori dolcificanti del tè (Henry Fielding). Elisabetta Guida

Autori: Studio Dimore Collection e Piercing Eyes
Attori Protagonisti: I servizi da tè di Luca Schiavon e Paolo Polloniato. Di quest’ultimo le sculture in ceramica. Il tè di Tealicious di  Marcela Viviana Esteban. Ed ovviamente il cuscino rock.

Photo Credit:

-Per la chitarra elettrica “Yngwie Malmsteen’s electric guitar”  francesco from Italia – Yngwie Malmsteen’s electric guitar. Con licenza CC BY 2.0 tramite Wikimedia Commons; mentre le fotografia con le teiere con applicate le decalcomanie le ho prese dalla pagina facebook di Paolo Polloniato. Le altre sono mie, comprese quelle di seguito.

DSC_0003_Elisabetta Guida_Studio Dimore Collection_ Ridotta (2)DSC_0034 (2) Ridotta Elisabetta Guida Studio Dimore CollectionDSC_0037 (2) Ridotta_Studio Dimore Collection_Elisabetta GuidaDSC_0038 (2)_Elisabetta Guida Tealicious_Studio Dimore Collection_RidottaDSC_0041 (2) ridotta Elisabetta Guida Studio Dimore Collection RidottaDSC_0042 (2) Ridotta Elisabetta Guida Studio Dimore CollectionDSC_0035 (2)-Ridotta Studio Dimore Collection Elisabetta Guida

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *